2 ottobre, 2008

Raffreddore??… ecco la soluzione

Pubblicato in: amici, natura, ricerca, spezie tagged , , , , , , , , , , a 2:29 am di sebastiano0909

Chi mi conosce bene sa quanto sia delicato il mio “piccolo piccolissimo piccolerrimo nasino”!!! Anche un misero sbalzo termico può mettermi Knock-Out per settimane, mesi, anni (bè…forse ho esagerato)!

“Ebbene si, il raffreddore è arrivato anche questo giro”!!

La mia stanza e le mie tasche traboccano di Kleenex appallottolati e pluri-utilizzati… “da buon Ebenezer Scrooge, infatti, sarebbe per me sacrilego abbandonare anche un solo, piccolo lembo di fazzoletto sterile e immacolato…

STOOOOOP STOOOOP FERMI TUTTI… questo post stava andando verso una direzione ben precisa, ma tutto d’un tratto le cose sono cambiate (torneremo più tardi a seguire il filo del discorso), vorrei ora proporre al lettore una comica (ma reale) digressione su come porre rimedio al raffreddore, leggere per credere:

Tratto da: Corriere della sera 19 settembre 2008.

Titolo: Fare sesso??? rimedio anti-raffreddore 

Una ricerca propone l’eiaculazione contro la congestione nasale, “meglio dei farmaci”!! L’articolo inizia più o meno così: Addio spray nasali, infusi decongestionanti, aerosol e medicinali da banco. Per curare il raffreddore è sufficiente avere un rapporto sessuale e in mancanza di un’occasione propizia si può ricorrere al “fai da te”. (ahaHAhaHAhahaHAha) . Il rimedio è stato proposto da Sira Zarrintan, un ricercatore del Dipartimento di neurochirurgia dell’Università di medicina di Tabriz (??eh??di cosa scusa??è un panino??), e pubblicato sull’ultimo numero di Medical Hypotheses col titolo «Ejaculation as a potential treatment of nasal congestion in mature man» («L’eiaculazione come potenziale rimedio della congestione nasale nel maschio adulto»). Sono quindi esclusi dallo studio i giovani (motivi oscuri e massonici probabilmente) e ovviamente le donne (mi spiace per loro).

Addentriamoci meglio nell’argomento e vediamo ora come funziona (ahahahahahaha) se siete d’accordo: Ironie a parte, l’effetto anti-raffreddore dell’eiaculazione è dovuto all’attività del sistema nervoso simpatico che viene messa in moto dall’eccitazione sessuale che decongestiona i vasi sanguigni, compresi quelli che irrorano le narici e che causano il “naso chiuso”. A differenza dei farmaci decongestionanti, il vantaggio di questo trattamento consiste nella mancanza di effetti collaterali, è ripetibile e riporta lo stato di benessere tramite una stimolazione interna al sistema nervoso simpatico. Secondo Zarrintan se si pianifica adeguatamente una terapia a lungo termine è possibile vaccinarsi contro le congestioni nasali. Come si legge dall’Abstract (rivista specialistica sulla quale devo darci anche un esame): «Il metodo può essere effettuato volta per volta in base al bisogno e va regolato in base alla severità dei sintomi». Giornalista: Gabriele De Palma.

C’è poco su cui discutere, Sira Zarrintan è un genio!! Devo assolutamente conoscere questo ricercatore dal nome così strano, sento il bisogno di complimentarmi con lui!!! Ad onor di cronaca Wikipedia dice che Tabriz è la più grande città dell’ Iran nord-occidentale!

Lo ammetto… non sono così fantasioso, ma anch’io comunque avevo pensato ad un rimedio neturale! Lo conoscete il Vin Brulè?? 

Intanto per iniziare ecco qui ingredienti e ricetta: 1 litro di buon vino rosso corposo (“consilllio il Sanzovese de la Romagnaaa Sozmell”), 2″quillings” di cannella (cinnamomum zeylanicum, corteccia, Cina), 8 chiodi di garofano (eugenia cariofillata, bocci fiorali, Madagascar, Sumatra), scorzette d’agrumi (limone, pompelmo, arancio amaro…), e 200gr di zucchero. Adagiare (a fuoco ancora spento) chiodi di garofano, cannella e buccette sul fondo della casseruola, aggiungere gradualmente sia vino che zucchero ricordando di mescolare energicamente per qualche minuto. Accendere il fuoco e portare ad ebollizione, alla comparsa dei primi bollori contare fino a “120″ e poi spegnere la fiamma(1-2-3-4-5…ronf ronf). Ora arriva l’ultima operazione, quella più divertente…fiammeggiare la superficie della nostra bevanda in modo da eliminare l’eccesso di alcool (per alcuni questa operazione potrebbe risultare blasfema e perciò vorrei chiedere scusa e precisare che non la condivido affatto!!). 

Ogni volta che bevo il vin Brulè il raffreddore se ne va lasciando libero il piccolo nasino che mi ritrovo! Questo infuso è miracoloso… al suo interno si nascondono importanti olii essenziali con attività antibatterica, antisettica e antalgica (contro dolore, ad esempio alla gola). Perchè devo attendere Santa Lucia o il Natale (ai lati della chiesa del borgo) per vedere risolti i miei problemi? Basta, è ora di darci un taglio… domani preparerò la magica pozione così avranno fine tutte le mie sofferenze autunno-vernine e quasi quasi, se avrò un po’ di tempo, abbozzerò anche la letterina per il 13 Dicembre!!

Vabbè,peccato solo per l’età perchè… magari…si cioè…insomma, avrei potuto strizzare un po’ l’occhio al consiglio lanciato dal celebre, affermato, accreditato, illustre, memorabile, indimenticabile e glorioso Sira Zarrintan!!!


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.